Stampa questa pagina

SAI Ambrosini S.207 della Regia Aeronautica

  10 Gennaio 2019
Vota questo articolo
(3 Voti)

SAI Ambrosini S.207 - Kit RS Models - Scala 1/72

83^ Squadriglia del 3* Stormo CT a Cerveteri nell'estate 1943.

  

Il SAI 107 è un derivato il SAI 107, con un più potente motore Isotta Fraschini Delta RC.40 da 750 CV, che gli consentiva di raggiungere la notevole velocità di 625 km/h in volo orizzontale e 930 km/h in affondata; prestazioni solitamente raggiunte dai caccia "tradizionali" impiegando motori di potenza quasi doppia. Anche l'armamento era stato migliorato, anche se risultava ancora insufficiente per un caccia di quel periodo (due mitragliatrici Breda-SAFAT calibro 12,7 mm in fusoliera). Tuttavia l'aereo si rivelò meno maneggevole e con minore velocità di salita rispetto al predecessore (caratteristiche fondamentali per un caccia), perciò l'ordine iniziale di 2 000 esemplari da parte della Regia Aeronautica fu annullato e sostituito con uno di ben 3 000 esemplari per il successivo SAI 403.

  

  

  

  

Il SAI 207 conobbe un limitato impiego operativo con gli unici esemplari prodotti (12 aerei di preserie), dimostrando di avere buone prestazioni a bassa quota ma confermando i difetti emersi durante le prove: struttura troppo debole, carenze in decollo ed atterraggio oltre ad una velocità di salita insufficiente per poter operare efficacemente come caccia. I primi sei vennero passati dal centro sperimentale di Guidonia all'83ª Squadriglia di base a Cerveteri e successivamente, insieme agli altri sei, al 161º Gruppo Autonomo Caccia Terrestre sull'aeroporto di Castiglione del Lago.

  

  

  

  

  

  

Buon Modellismo a Tutti

Roberto Cimarosti "Cima"

Joomla SEF URLs by Artio